VOTA IL PROGETTO DELLE MAMMEMATTE!

 

Per realizzarlo abbiamo bisogno del TUO VOTO

 

ENTRA NEL SITO

https://community-fund-italia.aviva.com/voting/progetto/schedaprogetto/40-361

ci vorranno pochi secondi: puoi  registrarti con la tua email o tramite Fb

 

A.A.A. NONNI CERCANSI PER NIPOTI A TEMPO DETERMINATO

 

M’aMa unisce due generazioni nell'ACCOGLIENZAbastano poche ore la settimana perché un nonno

possa trovare in un bambino un nipote, e un bambino stringere una mano sicura.

#insiemeèmeglioedasolinonsipuò

 

Descrizione del progetto

I “nonni” tra i protagonisti dell’affidamento dei minori.
Il progetto “A.A:A. NONNI CERCANSI” è basato sul coinvolgimento di persone che hanno concluso il loro ciclo lavorativo e che abbiano entusiasmo ed energia da donare. Prevede, dopo un percorso di informazione e formazione degli interessati, l’accoglienza, per alcune ore al giorno e/o fine settimana, di bambini e ragazzi le cui famiglie siano in difficoltà nella loro cura e crescita. Per molti di loro ciò significa dare un senso alle proprie giornate, renderle utili e soddisfacenti, perché entrare incontatto con le nuove generazioni aiuta a vivere meglio, obbliga a tenersi aggiornati, consente di coltivare nuovi e diversi legami affettivi, allargati anche all’ambito extra familiare.
Il progetto parte dall’assunto che l’anziano abbia un ruolo non marginale nella genitorialità e nella generatività sociale, intese come capacità di 'prendersi cura' dei propri nipoti, e non solo di loro, e che tale coinvolgimento promuova opportunità e benessere per la persona stessa.
Ogni affidamento familiare prevede un progetto specifico, definito sulla base dei problemi e delle risorse presenti, dei bisogni del minore, della situazione della sua famiglia e della disponibilità e capacità dei "nonni" affidatari. Inoltre è previsto “un tempo” entro il quale il progetto può dirsi concluso.
Ciò che caratterizza l’affido dei nonni è non solo il fatto che il bambino rimane nella sua famiglia, ma anche che alcune dinamiche di rapporto tra famiglia d’origine e affidataria, quali antagonismo e rivalità, sono superate dalla distanza generazionale, che permette al genitore di non vedere attaccato il proprio fragile ruolo genitoriale, di non sentirsi in posizione di svantaggio e quindi di sviluppare maggior accettazione di un affiancamento extrafamiliare. Il bambino ha chiarezza rispetto ai ruoli, non ci sonodue mamme e due papà da differenziare ed è meno coinvolto in un conflitto di lealtà.

 

Beneficiari del progetto

Beneficiari di questo progetto sono i bambini , le famiglie in difficoltà ma anche gli anziani che si sentono utili e parte attiva della sociatà.

 

Attività dell'organizzazione

Promuovere attività di promozione della Cultura dell’Accoglienza e della Solidarietà attraverso la promozione dell’istituto dell’affido familiare e delle adozioni. Attenzione particolare all’accoglienza dei minori con bisogni speciali.Campagne di sensibilizzazione e sostegno dell’accoglienza. Organizzazione di incontri convegni pubblici;costruzione di reti costruzione di reti di famiglie.

 

Altre organizzazioni coinvolte nel progetto

Associazione di volontariato A.P.I via Carlo Plutarco, 53-0012 Guidonia Montecelio Rm cf:IT94075090582


TESSERAMENTO 2019

Vai nella sezione tesseramento 2019 

per sostenere l'Associazione e i suoi progetti diventando socio di M'aMa. 

#insiemeèmegliodasolinonsipuò



Ci chiamano "mamme matte"... siamo tutte mamme di bambini arrivati già nati in adozione o affido... bambini disabili o fortemente compromessi a livello emotivo e relazionale... alcuni dicono che "spacciamo" bambini, ed effettivamente, a pensarci bene, i nostri figli creano dipendenza e ci trasformano in famiglie numerose, accoglienza dopo accoglienza...


Siamo in ogni angolo d'italia, e ci teniamo per mano, tessendo una rete che "pesca" i bambini dimenticati, quelli incollocabili secondo il sistema,quelli per i quali salta quasi sempre fuori una famiglia pronta ad accoglierli...


I nostri bambini sono i fascicoli lasciati nei cassetti, quelli che vedono i compagni di comunità andare via con le loro famiglie uno alla volta mentre loro continuano ad aspettare...i nostri bambini sono i bambini di tutti, di cui però "tutti" si dimenticano...


Io lo so che spesso le mamme matte non sanno di esserlo fino a che la storia del bambino che le aspetta non incrocia la loro strada, ed è proprio per questo che usiamo ogni mezzo per far si che ogni bambino incontri la sua famiglia...


Non vi spaventate di fronte ad una diagnosi scritta nero su bianco su un foglio di carta... dietro quelle parole esiste un bambino, che spesso e volentieri quella diagnosi vuole superarla, ma ha bisogno di essere preso per mano da qualcuno che gli indichi la strada... 


Cosa facciamo

 

La nostra mission è quella di trovare una casa per ogni bambino che ne ha bisogno, che sia per sempre o solo per un periodo di tempo.

Crediamo esistano famiglie per ogni bambino e non vogliamo arrenderci nemmeno quando i bambini sono un po' grandicelli, diversamente abili o hanno avuto storie particolarmente dolorose e traumatiche.

 

Noi sappiamo che da qualche parte c'è una famiglia "matta" che aspetta uno dei nostri bimbi speciali e noi non ci fermiamo fino a che non l'abbiamo trovata.

 

La nostra ricerca parte dalla creazione di una rete di famiglie accoglienti su tutto il territorio nazionale; i casi dei nostri bimbi ci arrivano grazie alla collaborazione con servizi sociali, associazioni, asl, centri affido e tribunali dei minori di tutta Italia.