· 

Adolescenti in affido: “Non ti parlo perché vorrei parlarti, ti allontano perché ho paura di amarti”


Crescere in una famiglia è sicuramente un diritto di cui ogni bambino e adolescente dovrebbe godere.

Come ben sappiamo, purtroppo, la realtà è molto diversa.

Accogliere nella propria vita un altro essere umano che non conosciamo, a “scatola chiusa” (o quasi), comporta molte riflessioni, paure, preoccupazioni, dubbi (più che legittimi, e anzi, necessari e funzionali).

Sarò in grado? Come cambierà la mia vita? Riuscirò ad amarlo incondizionatamente? Si affezionerà a me?

Il quadro si complica ulteriormente quando si parla di ragazzi adolescenti.

Queste situazioni sono estremamente delicate: molto spesso gli adolescenti che hanno la “fortuna” di trovare una famiglia affidataria disposta ad accoglierli hanno un trascorso di anni passati in comunità, sono arrabbiati, delusi, confusi, e portano sulle spalle un fardello più pesante rispetto ad un bambino (per la maggiore consapevolezza della propria situazione, data dall’età, per le maggiori esperienze negative accumulate durante il proprio percorso di vita, e per le caratteristiche della fase di crescita in cui si trovano).

L’adolescenza è un periodo di transizione, un delicatissimo passaggio dall’infanzia verso la vita adulta, in cui la spinta evolutiva naturale prevederebbe il distacco dai genitori, funzionale alla costruzione della propria identità. Vengono messi in discussione i valori appresi fino a quel momento, l’autorità, i ruoli e le responsabilità, per potersi affermare come individui a sé e poter strutturare una propria identità.

Si devono inoltre fare i conti con cambiamenti fisici e mentali che portano ad una inevitabile conseguente destabilizzazione.

I legami svolgono sicuramente un ruolo centrale in tutto questo, in particolare quelli con i propri genitori, che vengono messi alla prova, “testati”, misurati.

Questo avviene per qualsiasi adolescente.

Chi si trova in una famiglia affidataria, però, deve affrontare sfide molto più complesse.

Ad un ragazzo in affido, infatti, viene richiesto di creare, partendo da zero, un legame con la famiglia che ha scelto di accoglierlo, di affidarsi (cosa estremamente complicata per ragazzi che provengono da situazioni spesso altamente disfunzionali e traumatizzanti).

Il bisogno dell’adulto, nell’adolescente, c’è ed è accompagnato spesso dall’idealizzazione di una famiglia attesa magari per tanti anni, e forse dal senso di colpa nei confronti della propria famiglia di origine, ma questo coesiste con un sentimento di sfiducia nei confronti del mondo degli adulti, di se stessi e del futuro in generale. Questa ambivalenza porta a tormenti interiori, che spesso si manifestano attraverso atteggiamenti più o meno distruttivi, molto spesso incomprensibili per la famiglia affidataria.

Da un lato esiste la sana ribellione adolescenziale, dall’altra la necessità di creare un rapporto con quello che è diventato l’adulto di riferimento, di farsi conoscere, e soprattutto di sentirsi accettati da quell’adulto.

In queste situazioni il carico di fatica emotiva è decisamente maggiore rispetto a quello che devono affrontare i ragazzi che vivono con i propri genitori naturali.

Un altro aspetto fondamentale tipico di questa difficile fase è rappresentato dall’identificazione: con quale modello adulto devono identificarsi? Non tralasciando il fatto che l’insieme di valori e regole con cui sono cresciuti nella propria famiglia di origine è spesso molto lontano da quello appartenente alla nuova famiglia.

Situazioni difficili, anche estreme, sono spesso la normalità che famiglie affidatarie (ma non solo) con figli adolescenti si trovano a dover affrontare. Tutto ciò porta a molteplici dubbi ed interrogativi (legittimi e comprensibili): sono io ad essere inadeguata/o ed incapace perché non so gestire le reazioni di mio figlio? Forse non sono la persona giusta? Starebbe meglio in un contesto diverso? Mi odia? Cosa posso fare per cambiare le cose? Forse non sono “abbastanza” per una situazione del genere?

Purtroppo la conclusione cui arrivano molti genitori affidatari, con il cuore pieno di dolore, è interrompere l’affido.

Un po’ preda della stanchezza sia fisica che mentale, dell’esasperazione, del senso di impotenza, della preoccupazione di “fare più danni che altro”, l’unica “soluzione” che sembra tale, come estrema ratio, è questa.

Ma questa non è sicuramente una soluzione per il minore.

E’ un ulteriore trauma, è l’ennesimo abbandono, la conferma di non essere voluti, accettati, rispettati, amati…di “non valerne la pena”, non più “solo” dalla propria famiglia di origine, ma anche da un’altra famiglia.

Ed è sicuramente un trauma anche per un genitore che arriva a prendere tale decisione.

E’ importante, però, che gli adulti non si perdano, che tengano ben presente che gli adolescenti hanno bisogno di contenimento, di una guida affidabile e coerente, di un adulto che funga da “bussola di orientamento”, di qualcuno che li prenda per mano e li aiuti a diventare grandi.

E’ importante tenere ben presente che spesso, dietro atteggiamenti aggressivi, sfidanti, esasperanti, messi in atto più o meno inconsapevolmente, si nasconde un immenso bisogno di essere amati, rassicurati, protetti, scelti ogni giorno, nonostante tutto, indipendentemente da tutto.

Tutti gli adolescenti mettono alla prova gli adulti di riferimento, e non rischiano di essere “esiliati”. Questi ragazzi hanno decisamente molti motivi in più per farlo, alcune volte questo avviene in situazioni che, agli occhi dei genitori affidatari, appaiono paradossali e incomprensibili: “ma come, proprio ora che è con noi e potrebbe tranquillizzarsi, dà il peggio di sé…”.

I ragazzi in affido cercano amore e stabilità più di chiunque altro, ma non sanno come chiederli.

Un “non rompermi, lasciami stare” può tradursi con “stammi vicino, ho paura”; “non toccarmi” può essere il desiderio di un abbraccio; “tu che vuoi da me (con aggiunta di un linguaggio colorito), non sei mia madre” può voler dire “perché non sei stata mia madre fino ad ora?!?” E soprattutto: “sarai mia madre per sempre? Sto dando il peggio di me, così se devi abbandonarmi lo farai subito”.

Ovviamente ogni singola situazione necessita di una valutazione soggettiva e personalizzata, ed ogni eventuale approccio risolutivo può non dipendere solo dalla famiglia affidataria, che merita comunque supporto costante, anche da parte di specialisti, ove necessario.

Non esistono soluzioni pratiche preconfezionate e universali, ma esiste sicuramente un percorso da poter fare insieme, per capire quali siano le loro esigenze, che sanno nascondere tanto bene dietro muri di aggressività, strafottenza, sfide. A volte è impossibile scavalcare quei muri, ma da una piccola crepa è magari possibile intravedere gli occhi di nostro figlio, spesso intrappolato nel suo stesso dolore, che ci chiedono aiuto, vicinanza e amore.

 

Dott.ssa Denise Comparato

per contattarla scrivere a: denisecomparato@libero.it

Scrivi commento

Commenti: 8
  • #1

    Roberta (venerdì, 01 aprile 2022 20:21)

    Vorrei prendere una bambina in affidamento senza la madre con eventuale adozione

  • #2

    Paola (venerdì, 01 aprile 2022 23:27)

    Salve siamo 2 famiglie disposte a prendere in affidamento 2 bambini senza la loro mamma tra i 5 e i 10 anni
    Ci sono io con la mia famiglia
    Poi ci sta mia sorella con la sua famiglia.
    Aspetto al più presto una vostra risposta grazie

  • #3

    Giovanna Madonna (sabato, 02 aprile 2022 19:16)

    Salve, siamo una coppia senza figli, siamo disposti a prendere in affidamento 2 bambini da 7 a 10 anni, con possibilità di adozione. Fatemi sapere qualcosa, grazie

  • #4

    Maria Patrizia Biagioni (domenica, 03 aprile 2022 19:50)

    Buonasera, sono disponibile per ragazzo/a adolescente. Mamma affidataria e mamma di un ragazzo che a 20 anni ha lasciato questa vita. Sono molto consapevole della pre adolescenza e dell'adolescenza e non mi spaventa perché ho tutti gli strumenti per gestire le criticità. Sono qua a Vs disposizione. Un caro saluto. Patrizia

  • #5

    Andrea Cantarini (domenica, 03 aprile 2022 19:55)

    Non ce la fate proprio a capire che i minori vengono tutti con le mamme o parenti. I minori soli sono un numero infinitesimale e avete fatto richiesta in 40.000.
    Se volete ospitare dovete ospitare un nucleo familiare.

  • #6

    Sabrina (lunedì, 04 aprile 2022 13:20)

    Avevo bisogno di leggere questo articolo

  • #7

    Rosa Tomasicchio (martedì, 05 aprile 2022 08:54)

    Grazie per questo apporto con cui si rende palese quante e quali difficoltà si potrebbero incontrare nella richiesta di affido ma credo, io almeno lo spero, che col giusto supporto tutto si
    può affrontare e risolvere, se poi non dovrei esserne capace, almeno ci ho provato. Io credo che se c'è un bisogno d'amore da donare non bisogna avere paura a farlo anche perché credo che un esperienza umana anche se complicata e difficile vale sempre la pena di viverla.

  • #8

    Flora Paul (venerdì, 23 settembre 2022 18:19)

    GRAZIE AL GRANDE DR Sunny PER AVER RISOLTO I MIEI PROBLEMI LA SUA EMAIL È (drsunnydsolution1@gmail.com
    mi chiamo Floria Paul, sono stata sposata con mio marito per 5 anni, abbiamo vissuto felicemente insieme per questi anni e non fino a quando non si è recato in Australia per un viaggio d'affari dove ha incontrato questa ragazza e da allora odia me, i bambini e ama solo lei. quindi quando mio marito è tornato dal viaggio ha detto che non voleva più vedere me e i miei figli, quindi ci ha cacciato di casa e ora stava andando in Australia per vedere quell'altra donna. quindi io e i miei figli ora eravamo così frustrati e stavo solo con mia madre e non stavo trattando bene perché mia madre si è sposata con un altro uomo dopo la morte di mio padre, quindi l'uomo con cui si è sposata non la trattava bene, io e i miei figli erano così confusi e stavo cercando un modo per riportare mio marito a casa perché lo amo e lo amo così tanto, quindi un giorno mentre stavo navigando sul mio computer ho visto una testimonianza su questo incantatore DR Sunny, testimonianze condiviso su Internet da una signora e mi ha impressionato così tanto che penso anche di provarlo. All'inizio ero spaventato, ma quando penso a quello che stiamo passando io e i miei figli, quindi l'ho contattato e mi ha detto di stare calmo solo per 24 ore che mio marito sarebbe tornato da me e con mia grande sorpresa ho ricevuto una chiamata da mio marito il secondo giorno chiedendo dei bambini e ho chiamato il dottor Sunny e ha detto che i tuoi problemi sono stati risolti, figlio mio. quindi questo è stato il modo in cui ho riavuto la mia famiglia dopo un lungo stress di frenata da una donna malvagia, quindi con tutto questo aiuto dal DR Sunny, voglio che tutti voi su questo forum vi uniscano a me per dire un enorme grazie al DR Sunny e lo farò anche consigli per chiunque abbia problemi simili o simili o qualsiasi tipo di problema dovrebbe anche contattarlo la sua e-mail è (drsunnydsolution1@gmail.com) è la soluzione a tutti i tuoi problemi e difficoltà nella vita. ancora una volta il suo indirizzo email è (drsunnydsolution1@gmail.com)

    È SPECIALIZZATO NEL SEGUENTE INCANTESIMO.

    (1) Se rivuoi il tuo ex.

    (2) se fai sempre brutti sogni.

    (3) Se vuoi essere promosso nel tuo ufficio.

    (4) Se vuoi che donne/uomini ti rincorrano.

    (5) Se vuoi vincere alla lotteria.

    (6) Se vuoi essere ricco.

    (7) Se vuoi legare tuo marito/moglie affinché sia ​​tuo per sempre.

    (8) Se hai bisogno di assistenza finanziaria.

    (9) Come sei stato truffato e vuoi recuperare i soldi persi.

    (10) se vuoi fermare il tuo divorzio.

    (11) se vuoi divorziare da tuo marito.

    (12) se vuoi che i tuoi desideri siano esauditi.

    (13) Incantesimo di gravidanza per concepire il bambino

    (14) Garantire di vincere le cause giudiziarie preoccupanti e il divorzio, non importa in quale fase

    (15) Impedisci al tuo matrimonio o relazione di andare in pezzi.

    (16) se hai qualche malattia come ( H I V ), (CANCER) o qualsiasi malattia.

    (17) se hai bisogno di preghiere per la liberazione per tuo figlio o per te stesso.

    (18) vuoi curare la cura del diabete, la cura dell'herpes, la cura dell'hiv e dell'AIDS, la cura del cancro al seno e la cura del cancro, ancora una volta assicurati di contattarlo se hai qualche problema ti aiuterà. il suo indirizzo email è (drsunnydsolution1@gmail.com contattalo subito....chiamalo o whatsapp al numero +2348082943805/