Diario di un elfo - Parte 2

Diario di un elfo - Cap.7
Ho preparato la valigia, ci ho messo dentro magliette stropicciate, un paio di scarpe, il vestito della festa.
Ho preparato la valigia, ci ho messo il peluche dei tuoi ricordi, un libro delle fiabe, il tuo cuscino bagnato dalle lacrime, che versi di notte, quando nessuno ti sente.
Ho preparato la valigia, vivremo nomadi e in apnea, fino a quando sentirai che casa è dove si sta bene.
E perché tu stia bene io sono disposta a combattere. Perché le tue paure non siano più grandi di te, perché i tuoi ricordi non facciano troppo male, perché se qualcosa ci deve dare fastidio, che questo qualcosa sia il troppo sole che ci accieca sul nostro cammino. Metteremo occhiali da sole, e saremo bellissimi, sorridenti e felici!
#elfodelmiocuore #andiamoacasa

Nessun testo alternativo automatico disponibile.
 

Diario di un elfo - Cap. 8
C'è una stella accesa, che indica la strada. A volte sarà bellissima, luminosa e alta in cielo. Avrà la camicia bella, un sorriso che commuove e una tastiera nuova fra le mani.
Avrà parole e silenzi. Avrà un tram da prendere e camminate accanto alle rotaie.
A volte invece sarà un po' nascosta dalle nuvole. Avrà voglia di prendere a pugni il mondo e bisogno che qualcuno lo contenga. Avrà bisogno di sentirsi scelto, proprio perché è lui. Avrà bisogno di piangere e di sentirsi accolto nelle lacrime.
Ma sarà sempre la mia stella.
#elfodelmiocuore #andiamoacasa

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Diario di un elfo - Cap. 9
C'è un velo di magia nell'attesa.
Attendere che il tuo passo arrivi, trascinato, a causa delle poche ore di sonno, che compaia il tuo borsone, che la maglietta che ti serve sia asciutta e pronta.
Attendere che il viaggio sia compiuto. Che il viaggio duri un'ora e mezza oppure qualche mese. Che tu stia camminando o guardando fuori dal finestrino, con la paura dell'altezza, anche se forse dovremo farla passare...
Attendere delle ore mentre giochi, mentre vinci, perdi, combatti. Mentre mi cerchi con la coda dell'occhio e mi chiami solo perché hai sete...
Attendere di riaccompagnarti, salutarti, staccarmi da te, che non parli ma ci sei e controlli che io ci sia, che inizi a fare i conti con "me" e io aspetto, pazientemente, che arrivi un "noi".
#elfodelmiocuore #andiamoacasa

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Diario di un elfo - Cap. 10
Oggi provo a spiegarti cos'è davvero la felicità.
Apro gli occhi, sei il mio pensiero costante. Insinuato già li, fra un sogno e uno stiracchiamento. Arrivi prima di capire con la testa, perché sei un pensiero del cuore.
Continui a restare li, fra un batticuore e un nodo in gola, perché quando ti vedo, quando ci sei, sento che il puzzle si incastra perfettamente. Sento che il mio star bene, la mia felicità, con te è reale. Anche se probabilmente l'abbiamo incasinata, questa vita.
Sei come l'attesa dei regali di S.Lucia, sei come vedere il mare per la prima volta dopo tanto tempo, sei come il sole che esce dopo giorni di pioggia. So che ci sei, ma ogni volta è una meraviglia.
Dobbiamo vivere così. Sole in faccia, finestre spalancate, cantando questa vita stropicciata... Perché la felicità, amore mio, è l'unica cosa che posso regalarti.
#elfodelmiocuore #andiamoacasa

L'immagine può contenere: testo

Diario di un elfo - Cap. 11
Hai diritto alla felicità. Qualunque faccia questa abbia. Che abbia il gusto di un caffè o di un pessimo the alla pesca.
Se per averla dovrai lottare, lotteremo.
Se per averla dovremo mangiare in quei posti che ti piacciono tanto, andremo.
Se per averla dovrò combattere fra un luglio e settembre, combatteremo.
L'unica cosa che so è che non sarai mai solo, perché ti meriti qualcuno al tuo fianco. Che senta il privilegio di starti accanto. Che non veda l'ora che questo accada.
Sceglimi, Abbracciami, Metti una firma. Io la mia scelta l'ho fatta, non ho bisogno... Di altri giorni.
#elfodelmiocuore #andiamoacasa

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Diario di un elfo - Cap. 12
Impara a prometterti cose che poi mantieni.
L'errore più grande, l'unico forse di cui alla fine dobbiamo pentirci, è di aver deciso di non vivere la nostra vita. È restare confinato nelle tue paure per il giudizio degli altri.
È vero, la strada è in salita. E la montagna, amore mio, non ci piace nemmeno. La vita Con te, con noi, non ha fatto sconti. Ma va bene così. Prendiamo quello che abbiamo e voliamo sopra tutto. Siamo più forti anche di questo.
Mi prenderò cura di te, come del fiore più bello del giardino. Ti annaffierò con la pazienza e la fiducia in te stesso, ti metterò nella terra dell'amore e crescerai. E da qui ripartiremo. #elfodelmiocuore #andiamoacasa

Nessun testo alternativo automatico disponibile.

Scrivi commento

Commenti: 0