#principeranocchio#principessa di babbalandia

IL PRINCIPE RANOCCHIO E L'IDOLATRIA

Il principe ranocchio prima di arrivare a palazzo ha vissuto in un istituto religioso per un paio d'anni. Le suore hanno naturalmente educato il principino alla vita religiosa insegnandogli a baciare le immaginette dei vari santi, madonnine, Gesù in tutte le sue diverse età dalla nascita alla crocifissione.
Arrivato qui a palazzo si è trovato in un clima che con un eufemismo definirei decisamente più laico, ma non ha comunque rinunciato alla sua idolatria.
Ed ecco che ha facilmente trovato nuove immagini da adorare, ogni mattina dà un bacino all'Urlo di Munch appeso in camera della regina madre, in fondo l'arte a mio parere è sacra e quest'opera rappresenta la miseria dell'umanità e può avere un certo misticismo.
Arriviamo poi nel salone regale e li con anche le manine giunte e sguardo mistico dà un bacio a Che Guevara, alle suore verrebbe un colpo, ma io sono dell'idea che alla fine il Che è un rivoluzionario che può pure avere qualche punto in comune con Gesù, oltre alla folta barba.
Eccoci però nelle cucine regali e qui l'adorazione fatta di bacino e mani in preghiera si rivolge niente meno che alla cartolina di un cane (per altro dall'aria davvero poco furba!), alla calamita di una pizza Margherita, ad una polaroid della regina madre e della dama di corte (cara amica della regina) vestite da gnomi (anche la regina madre ha avuto momenti bui nella sua gioventù e si è data alle promozione nei supermercati vestita nei modi più disparati) e infine con slancio da vero fedele bacia e si stringe al petto con ardore la foto di una mucca con occhiali da sole sdraiata su una spiaggia.
La regina madre ha deciso di non lanciarsi in questa impresa interpretativa, semplicemente sta valutando se è più semplice riportare il Principe verso una religiosità più canonica o, con i suoi poteri dichiarare Munch, il Che, la pizza, gli gnomi, i cani dallo sguardo idiota e le mucche con gli occhiali da sole, nuove icone religiose da adorare. La regina, conoscendo la flessibilità del principino, propende molto per la seconda. #idolatriaportamivia

Scrivi commento

Commenti: 0