Per realizzarlo abbiamo bisogno del TUO VOTO

 

ENTRA NEL SITO

https://community-fund-italia.aviva.com/voting/progetto/schedaprogetto/40-361

ci vorranno pochi secondi: puoi  registrarti con la tua email o tramite Fb

 

A.A.A. NONNI CERCANSI PER NIPOTI A TEMPO DETERMINATO

 

M’aMa unisce due generazioni nell'ACCOGLIENZAbastano poche ore la settimana perché un nonno

possa trovare in un bambino un nipote, e un bambino stringere una mano sicura.

#insiemeèmeglioedasolinonsipuò

 

Descrizione del progetto

I “nonni” tra i protagonisti dell’affidamento dei minori.
Il progetto “A.A:A. NONNI CERCANSI” è basato sul coinvolgimento di persone che hanno concluso il loro ciclo lavorativo e che abbiano entusiasmo ed energia da donare. Prevede, dopo un percorso di informazione e formazione degli interessati, l’accoglienza, per alcune ore al giorno e/o fine settimana, di bambini e ragazzi le cui famiglie siano in difficoltà nella loro cura e crescita. Per molti di loro ciò significa dare un senso alle proprie giornate, renderle utili e soddisfacenti, perché entrare incontatto con le nuove generazioni aiuta a vivere meglio, obbliga a tenersi aggiornati, consente di coltivare nuovi e diversi legami affettivi, allargati anche all’ambito extra familiare.
Il progetto parte dall’assunto che l’anziano abbia un ruolo non marginale nella genitorialità e nella generatività sociale, intese come capacità di 'prendersi cura' dei propri nipoti, e non solo di loro, e che tale coinvolgimento promuova opportunità e benessere per la persona stessa.
Ogni affidamento familiare prevede un progetto specifico, definito sulla base dei problemi e delle risorse presenti, dei bisogni del minore, della situazione della sua famiglia e della disponibilità e capacità dei "nonni" affidatari. Inoltre è previsto “un tempo” entro il quale il progetto può dirsi concluso.
Ciò che caratterizza l’affido dei nonni è non solo il fatto che il bambino rimane nella sua famiglia, ma anche che alcune dinamiche di rapporto tra famiglia d’origine e affidataria, quali antagonismo e rivalità, sono superate dalla distanza generazionale, che permette al genitore di non vedere attaccato il proprio fragile ruolo genitoriale, di non sentirsi in posizione di svantaggio e quindi di sviluppare maggior accettazione di un affiancamento extrafamiliare. Il bambino ha chiarezza rispetto ai ruoli, non ci sonodue mamme e due papà da differenziare ed è meno coinvolto in un conflitto di lealtà.

 

Beneficiari del progetto

Beneficiari di questo progetto sono i bambini , le famiglie in difficoltà ma anche gli anziani che si sentono utili e parte attiva della sociatà.

 

Attività dell'organizzazione

Promuovere attività di promozione della Cultura dell’Accoglienza e della Solidarietà attraverso la promozione dell’istituto dell’affido familiare e delle adozioni. Attenzione particolare all’accoglienza dei minori con bisogni speciali.Campagne di sensibilizzazione e sostegno dell’accoglienza. Organizzazione di incontri convegni pubblici;costruzione di reti costruzione di reti di famiglie.

 

Altre organizzazioni coinvolte nel progetto

Associazione di volontariato A.P.I via Carlo Plutarco, 53-0012 Guidonia Montecelio Rm cf:IT94075090582