I nostri appelli


Se vuoi informazioni su un appello specifico

indica per favore il numero dell'appello nel format di richiesta info.

Le Rete delle #MammeMatte riceve mandato (gratuito) da parte dei Servizi sociali di cercare una coppia o una persona singola (giá formati dagli enti competenti) disposti ad accogliere un minore.
#M'aMa è solo un tramite tra famiglia accogliente e Servizi: l’eventuale abbinamento sarà deciso solo da questi ultimi.


08.19

 

SOS Affido per una giovane mamma con la sua bimba

 

 

Questa richiesta di accoglienza riguarda un nucleo mamma-bambino, l’affidamento cioè di una giovane mamma ventenne attualmente in struttura con la propria piccola di due anni.
 
La mamma si è sempre occupata da sola della crescita della propria piccola, alla quale di recente è stata diagnosticata una sindrome neurologica che la sottopone a controlli periodici e cicli di fisioterapia.
 
Oggi la giovane mamma (ritenuta perfettamente idonea dal Tribunale nel suo ruolo genitoriale), per poter guardare ad un futuro al di fuori della comunità, ha bisogno di una famiglia che la sostenga nella crescita e nell'accudimento della figlioletta.
 
I Servizi hanno quindi conferito mandato a M'aMa di cercare una coppia o una persona single affidatari, in qualsiasi regione di Italia, disposti ad accogliere in affido la mamma insieme con la bambina per aiutarle a creare un presente e un futuro possibile.

09. 19

 

SOS Cercasi una Famiglia per Sempre per Moira in tutta Italia

 

Moira è una bimba orientale di 13 anni che appare più piccola dell'età anagrafica, sia nello sviluppo fisico sia come modalità di relazione.
 
I suoi genitori non sono mai riusciti ad occuparsi di lei.
 
La piccola è affetta da un ritardo mentale medio-grave: nel vestirsi e nel lavarsi, anche se autonoma, necessita ancora di essere guidata ma, a parte qualche bizza e pianto di fronte ai "no", si comporta in modo adeguato.
 
A scuola è ottimamente inserita con i pari ed è una bimba sorridente, affettuosa in cerca del contatto fisico con le figure di riferimento.
 
Moira al momento dell'accoglienza non parlava italiano, mentre con l'inserimento a scuola è migliorata sul piano della comprensione e dell'espressione della nostra lingua.
 
La bimba è già stata dichiarata adottabile: si cerca una famiglia su tutto il territorio nazionale disponibile all'accoglienza ai fini adottivi, preceduta da una fase di avvicinamento graduale alla minore.

10. 19

 

SOS Affido Familiare per tre fratellini inseparabili

 

 

 

 

Cerchiamo: COPPIA AFFIDATARIA

 

 Continua la ricerca di una coppia affidataria su tutta Italia per tre piccoli fratellini (12, 6 e 4 anni) molto uniti tra loro.

 

 I piccoli, di origine orientale, hanno sempre dimostrato di avere ottime risorse personali e non presentano problematiche rilevanti, nè fisiche nè psicologiche, se non i comuni disagi legati ai numerosi trasferimenti cui è stata costretta la famiglia di origine.

 

Solo il bimbo di 6 anni ha un problema di linguaggio che sta affrontando con sedute di logopedia.

 

 I fratelli sono inseparabili, si amano molto, pertanto i Servizi stanno cercando di rispettare questa unione cercando una famiglia disposta ad accoglierli tutti insieme in affido sine die.

 

 I bimbi dovranno continuare a mantenere il legame periodico con la famiglia di origine residente in centro Italia.

 

01.19
Andrea ha 15 anni, dall'età di 7 anni ha vissuto in comunità fino ai 13 poi è rientrato nella famiglia di origine ma non può più continuare a viverci. La sua famiglia ha molti problemi, è un nucleo molto fragile e non riesce a prendersi cura di lu. Andrea ne risente molto: ultimamente si è chiuso in se stesso, non si relaziona più con il gruppi di pari e rende meno a livello scolastico (cosa mai accaduta fino a poco tempo).
 
Per lui stiamo cercando, nel centro Italia, una persona singola o una coppia affidataria per un affido sine die nel quale sia agevolato l'incontro mensile con la famiglia di origine.
02.19
Dima ha 12 anni e gli operatori della casa famiglia in cui vive lo descrivono "bellissimo e arrabbiatissimo". E' un bimbo senegalese con un vissuto familiare molto forte alle spalle che oggi lo porta ad aver un atteggiamento sfidante e provocatorio con l'adulto, atteggiamento che se opportunamente accolto e contenuto può essere una via per costruire una relazione di fiducia che a Dima è sempre mancata.

 

 

 

Per lui stiamo cercando, nel centro Italia, una persona singola o una coppia affidataria per un affido sine die nel quale sia agevolato l'incontro mensile con la famiglia di origine.

 


03.19

AMANDA

Amanda ha 17 anni da tre anni è in comunità e nella sua famiglia di origine è stata testimone di maltrattamenti e violenze psicologiche. Lei ha sempre studiato diligentemente, si è occupata delle sorelline più piccole ed è sempre stata attenta alle regole. Da mesi chiede una famiglia dove poter rifugiarsi e riacquistare serenità.
 
Per lei stiamo cercando, nel centro Italia, una persona singola o una coppia affidataria per un affido sine die nel quale sia agevolato l'incontro mensile con la famiglia di origine.


04.19
La segnalazione di Robertino ha un carattere di estrema urgenza perché il piccolo ha 11 anni e vive in comunità già da sette.

 

Robertino è affetto da una patologia genetica che gli comporta importanti carenze del linguaggio e della sfera psicomotoria, ma grazie alla riabilitazione ha ottenuto grandi risultati e i margini di miglioramento sono notevoli grazie alla fisioterapia e alla logopedia che dovrà continuare a fare.

 

Il piccolo, ad oggi, riesce a svolgere in autonomia molte attività quotidiane, per altre invece ha ancora bisogno dell’affiancamento di un adulto.

 

Nonostante non riesca a esprimersi bene linguisticamente (anche a causa della scialorrea sulla quale in futuro si potrà intervenire con un intervento correttivo), Robertino è riuscito a creare legami significativi con grandi e piccini all’interno della comunità, chiedendo di essere coccolato e ricambiando le coccole con grandi abbracci e sorrisi.

 

Con i bambini più piccoli è tenero e premuroso: li accarezza e raccoglie loro i giochi e il ciuccio caduti in terra.

 

A scuola è attento e solidale verso i bambini che presentano difficoltà anche più gravi delle sue; ha un ottimo rapporto con tutti i suoi compagni di classe e con gli adulti di riferimento.

 

Per Robertino cerchiamo una famiglia adottiva, o una coppia o una persona single affidataria, in tutta Italia. 

Una famiglia che lo ami e lo accolga per sempre.

 


05.19
Leonardo ha 12 anni, vive in comunità da poco più di uno ed ora suo fratello, con lui fino ad oggi, sta per essere accolto in affido sine die da una famiglia affidataria del Centro Italia.
 
Leonardo ha un grave passato abbandonico da elaborare: i suoi familiari non sono riusciti a prendersi cura di lui e lo hanno ripetutamente illuso per poi lasciarlo definitivamente in struttura.
 
E ora Leonardo non si fida più degli adulti, è arrabbiato e non sa quale possa essere il suo futuro.
 
Il piccolo, nonostante il suo atteggiamento spesso provocatorio e sfidante, a scuola ottiene buoni risultati.
 
Non ha mai creduto in un progetto di affido ma, da qualche mese, anche grazie a un percorso di psicoterapia, ha cominciato timidamente a manifestare il desiderio di una nuova famiglia tutta per sè.
 
La ricerca di una coppia affidataria per un affido sine die è rivolta solo nel Centro Italia per salvaguardare il mantenimento degli incontri periodici con la famiglia di origine, soprattutto con il fratello minore.
 

 


06.19
Stiamo cercando due famiglie per due piccoli che attualmente vivono in comunità.

 

 

 

Per il più piccolo, Luigi, 8 anni, stiamo cercando urgentemente una famiglia in tutta Italia per adozione o affido sine die: si accettano disponibilità di coppie affidatarie (etero o omosessuali) o adottive, o genitori single.

 

 

 

A Luigi, da pochi mesi, è stata diagnosticata una malattia genetica accompagnata da crisi epilettiche tenute sotto controllo da farmaci salvavita. 

 

Nonostante queste difficoltà Luigi si mostra sereno e solare, sensibile e molto altruista con i pari.

 

E’ entrato in comunità con i suoi fratelli e ora che loro sono stati accolti in affido eterofamiliare più che mai sente il bisogno di una famiglia che lo ami incondizionatamente.

 

 

 

Il secondo piccolo ha 9 anni, Tito, anche lui in comunità da troppi anni insieme al fratello. 

 

Tito è sano ma molto arrabbiato per i ripetuti abbandoni che ha dovuto subire dalla famiglia di origine. 

 

Il suo atteggiamento spesso è provocatorio, soprattutto nei confronti degli adulti, quasi per saggiare quanto l’altro possa arrivare ad amarlo.

 

Per lui i Servizi hanno immaginato una accoglienza in affido sine die da parte di una coppia residente nel centro Italia in modo che il piccolo possa continuare a mantenere i rapporti con il fratello.

07.19
E. è piccolino e dimostra ancora meno dei quattro anni e mezzo che ha. 
 
Ha un ritardo cognitivo ma parla e si fa capire, conta, usa il tablet e, nonostante sia nato fortemente prematuro, ha sorpreso tutti facendo passi da gigante nel suo recupero.
 
Vive da sempre in comunità dove è amatissimo ma adesso è arrivato il momento che trovi la sua famiglia per sempre, una coppia adottiva (o affidataria già formata) residente in tutta Italia.
 
Ad oggi è seguito da logopedista ed educatrice dedicata tutti i pomeriggi. Porta i tutori alle gambine per tenere i piedini in terra, e deve fare quotidiane sedute di fisioterapia per ottenere ulteriori risultati.
 
Per il resto sa stare seduto, sa alzarsi in piedi, e si muove... eccome!
 
E. ha un carattere solare, gli piace essere al centro dell’attenzione, ama le persone allegre con le quali interagisce in modo appropriato. Gioca con gli altri bambini e mangia da solo.