I nostri APPELLI

Se vuoi informazioni su un appello specifico

indica per favore il numero dell'APPELLO nel format di richiesta info.

 

Precisiamo che M’aMa-Dalla Parte dei Bambini è solo un tramite

tra famiglia accogliente e i Servizi sociali che si occupano del minore.

L’eventuale abbinamento, quindi, sarà deciso solo da questi ultimi.

La Rete delle MammeMatte riceve mandato (volutamente gratuito) da parte dei Servizi sociali di cercare una coppia o una persona singola (giá opportunamente formati dagli enti competenti territoriali) disposti ad accogliere un minore.


10.01.2020

 

AFFIDO SOLO CENTRO ITALIA PER SINGLE E COPPIE 

 

Il 2020 inizia con due APPELLI entrambi diretti solo ed esclusivamente alle regioni del Centro Italia ed entrambi diretti a genitori affidatari già formati dagli enti competenti territoriali.


1) Il primo riguarda due fratelli di 9 e 13 anni che da qualche mese vivono in comunità perchè la loro famiglia non riesce a prendersi cura di loro.
FRANCO, il più piccolo è un bambino maturo che cerca di vedere sempre il lato positivo in tutte le situazioni e, nonostante sia il più piccolo, fa coraggio al fratello, sperando  ogni giorno di poter avere una famiglia tutta per loro.
VALERIO, 13 anni, è arrabbiato e sfiduciato, cerca continuamente di attirare l’attenzione su di sé anche attraverso un atteggiamento provocatorio e sfidante, alla costante ricerca di un punto di riferimento che lo rassicuri e contenga. Adora giocare a calcio e sogna di diventare un famoso calciatore.
I Servizi hanno conferito a M’aMa mandato di cercare una coppia affidataria residente nel Centro Italia, disponibile ad accogliere i due fratelli insieme in un affido sine die e che garantisca gli incontri periodici con la famiglia di origine.


2) Il secondo APPELLO riguarda invece DANIELE di 15 anni, in struttura da ben dieci anni perché allontanato dalla sua famiglia di origine per gravi maltrattamenti.
Nonostante tutto Daniele è solare e molto affettuoso.
Seppure con un ritardo cognitivo importante, ha fatto grandi passi in avanti: quando è entrato in comunità non parlava oggi è un gran chiacchierone, frequenta la scuola superiore (anche se permangono difficoltà nel leggere e nello scrivere) e gli piace molto il computer.
In questi anni ha visto i suoi fratelli andar perché accolti in affido e Daniele si chiede perché non arrivi mai una famiglia per lui. 
I Servizi hanno conferito a M’aMa mandato di cercare una coppia affidataria (senza figli o con figli già grandi) o una persona singola residenti nel Centro Italia, disponibile ad accogliere il ragazzino in affido sine die garantendo gli incontri periodici con la famiglia di origine.


1.12.19

 

SOS PER 3 "GRANDI PICCOLI"

 

M’aMa negli ultimi anni sta registrando un drammatico aumento delle segnalazioni (da parte di Servizi e Tribunali dell’intero territorio nazionale) di minori "già grandi" (dai 9 anni in su) da collocare in famiglia.

Chiediamo la tua collaborazione nel pensare e immaginare la loro accoglienza, anche solo mettendo a conoscenza chi semplicemente potrebbe essere sensibile al tema.

Questi ragazzini molto spesso sono solo cronologicamente “grandi”, perchè dal punto di visto emotivo e affettivo più di altri non aspettano che di lasciare la comunità in cui vivono da anni per AVERE una Mamma e un Papà con cui crescere.

Sono ragazzini i cui traumi se da un lato negli anni di istituzionalizzazione non si sono cicatrizzati, dall’altro possono essere alleviati da amore, accudimento, determinazione.

I casi che vi sottoponiamo riguardano tutti minori che hanno chiesto a gran voce (con lettere direttamente ai Giudici o attraverso colloqui) una Famiglia dove poter vivere e noi di M’aMa siamo convinte che ci siano, da qualche parte, in qualsiasi regione di Italia, coppie e single affidatari (o adottivi) disposti ad accoglierli incondizionatamente. 

E per garantirgliela i Servizi concorderanno agli eventuali genitori accoglienti la possibilità di un percorso di avvicinamento graduale, senza vincoli, durante il quale poter conoscere e farsi conoscere dal minore.

Ecco quindi di seguito i singoli appelli di Angelica, Matteo e Rosalba, tre “grandi piccoli” che hanno chiesto una vita diversa:

 

ANGELICA ha 12 anni, vive da tempo in comunità dove è amata, accudita e seguita. Ha un ritardo cognitivo importante, dolce e simpatica riesce a farsi benvolere da tutti. Frequenta la seconda media, va volentieri a scuola ed ama giocare a “Fare la maestra o l’educatrice”, è autonoma nella gestione della sua quotidianità e svolge tranquillamente i compiti assegnati dagli educatori.

 

MATTEO ha 13 anni anche se fisicamente che cognitivamente dimostra molto meno della sua età cronologica. Il piccolo vive in comunità da otto anni chiedendosi perché la sua sorellina è riuscita a trovare una famiglia in cui vivere, e lui no. Matteo ha un ritardo cognitivo medio, è molto dolce anche se lui stesso riconosce che quando si arrabbia...si arrabbia. E’ già da tanto che aspetta “una Mamma e un Papà anche con fratellini” ed è “pronto a preparare la valigia fin da subito”.

 

ROSALBA ha 13 anni, vive da tanto tempo in comunità, frequenta la terza media con discreto profitto, ad oggi desidera fortemente una famiglia tanto da scriverlo al Giudice minorile. Ha un ritardo lieve, ama tanto la buona cucina e per niente lo sport! Da un punto di vista affettivo è più piccola delle coetanee, vorrebbe una famiglia allegra che la ami per sempre e “le faccia vivere una vita normale”. 


07.09.19

 

SOS AFFIDO A LUNGO TERMINE

 

Il piccolo GIORGIO ha appena compiuto 10 anni e li ha appena compiuti in comunità da dove per anni ha sperato che la mamma e il papà lo portassero via. 

Per anni ha ascoltato promesse di rientri in casa insieme al fratello, anche lui nella stessa struttura.

Ma i genitori naturali alla fine non ce l'hanno fatta e hanno rinunciato al loro ruolo e purtroppo questo è difficile da far capire a Giorgio che ora è arrabbiato con loro e con il mondo intero: non riesce a perdonare promesse non mantenute.

Così spesso mostra di avere un atteggiamento provocatorio e sfidante, soprattutto nei confronti degli adulti.

Nei periodi di maggiore stress e ansia soffre di enuresi notturna e proprio per raggiungere una maggior stabilità sta seguendo un ciclo di psicoterapia.

I Servizi hanno conferito a M'aMa mandato di cercare una coppia, residente nel centro Italia, disponibile ad accogliere in affido sine die il piccolo Giorgio assicurandogli il mantenimento del legame con la propria famiglia di origine.


06.07.19

SOS AFFIDO SINE DIE 

SOLO CENTRO ITALIA

 

LEONARDO ha 12 anni, vive in comunità da poco più di uno ed ora suo fratello, con lui fino ad oggi, sta per essere accolto in affido sine die da una famiglia affidataria del Centro Italia.

Leonardo ha un grave passato abbandonico da elaborare: i suoi familiari non sono riusciti a prendersi cura di lui e lo hanno ripetutamente illuso per poi lasciarlo definitivamente in struttura.

E ora Leonardo non si fida più degli adulti, è arrabbiato e non sa quale possa essere il suo futuro.

l piccolo, nonostante il suo atteggiamento spesso provocatorio e sfidante, a scuola ottiene buoni risultati.

Non ha mai creduto in un progetto di affido ma, da qualche mese, anche grazie a un percorso di psicoterapia, ha cominciato timidamente a manifestare il desiderio di una nuova famiglia tutta per sè.

La ricerca di una coppia affidataria per un affido sine die è rivolta solo nel Centro Italia per salvaguardare il mantenimento degli incontri periodici con la famiglia di origine, soprattutto con il fratello minore. 


11.04.19

SOS AFFIDO SINE DIE

PER DUE FRATELLINI VIVACI

 

LEONARDO e CARMINE, 9 e 12 anni, sono stati ripetutamente abbandonati dalle proprie figure di riferimento e da poco più di un anno sono chiusi nella stessa struttura, senza possibilità di fare ritorno in un futuro nella propria famiglia di origine.

I due bimbi sono sani, a scuola hanno buoni risultati, ma naturalmente il loro vissuto traumatico e abbandonico li ha segnati rendendoli entrambi arrabbiati e sfiduciati nei confronti del futuro.

Per loro l’unica certezza è quella di rimanere insieme quindi cerchiamo una coppia affidataria (senza figli o con figli già grandi) che li accolga entrambi in affido sine die e che li accompagni a superare il loro atteggiamento spesso provocatorio e sfidante che nasconde una ricerca di attenzione e amore che non hanno mai avuto possibilità di ricevere.

Da qualche mese sia l’uno che l’altro hanno timidamente cominciato a manifestare il desiderio di una nuova famiglia tutta per loro.

La ricerca è rivolta al Centro Italia anche per salvaguardare il mantenimento periodico del legame con la famiglia di origine. 


20.03.19

 

SOS AFFIDO SINE DIE 

SOLO CENTRO ITALIA

 

TIZIANO ha 11 anni e solo da un anno vive in comunità, ma è stato un anno difficile: all’inizio, infatti, appena inserito in struttura, Tiziano ha mostrato una grande insofferenza rispetto alla nuova collocazione.

Molto ansioso, timido, spesso ha preferito chiudersi in se stesso.

Non ha preso parte ai giochi con gli altri bambini e a scuola non ha dato il meglio di sé.

Però, ora, a qualche mese di distanza, Tiziano si mostra meno introverso e più socievole con il gruppo di pari e con le figure adulte di riferimento.

Settimanalmente pratica con passione il calcio e si è perfettamente integrato nella sua squadra.

Nello studio (anche se è migliorato tantissimo) continua ad avere difficoltà cognitive quasi sicuramente riconducibili alle dolorose esperienze abbandoniche vissute in passato, ed è per questo che in questo ambito necessita della presenza di un adulto di riferimento che lo sostenga nello svolgimento di alcuni compiti.

Il bambino se da una parte chiede una famiglia che possa occuparsi di lui dall’altra teme un nuovo abbandono.

Tiziano ha bisogno di essere rassicurato e contenuto.

Per lui si è pensato ad un affido sine die da parte di una coppia affidataria residente nel Centro Italia anche per salvaguardare il mantenimento periodico del legame con la famiglia di origine.


05.03.19

SOS AFFIDO SINE DIE

 

JAIR ha sette anni, ha una malattia genetica ereditaria del sangue. 

Per poter avere una buona condizione di vita ha bisogno di una dieta sana, un esercizio fisico adeguato e una vita serena. Di recente gli è stata riconosciuta la 104 a causa di un ritardo globale dello sviluppo.

A scuola è irrequieto e non di facile gestione.

Jair ha tanto bisogno di trovare una famiglia strutturata che lo accolga, che riesca a far venire fuori il bello che c'è in lui e che gli faccia frequentare la mamma che, pur non riuscendo ad essere sufficientemente in grado di accudirlo, lo ama.

L’appello è rivolto a persone singole e coppie affidatarie residenti nel Centro Italia disponibili ad un affido sine die.


06.03.19

SOS ADOZIONE SPECIALE

SOLO CENTRO ITALIA

 

AGNESE è una bimba di tre anni dolce, affettuosa e molto socievole, ma è anche un ‘peperino’!

Vive da sempre in una comunità dove è molto amata e dove ha costruito i suoi legami di riferimento.

Alla piccola Agnese è stata diagnosticata un mosaicismo della sindrome di down e ancora non parla fluentemente ecco perché è seguita da un logopedista, questo però non le impedisce di relazionarsi perfettamente con i pari e con gli adulti che si prendono cura di lei e ai quali non lesina abbracci e carezze.

Per lei cerchiamo una famiglia per sempre, una coppia in possesso di decreto adottivo residente nel Centro Italia.


24.05.19

SOS AFFIDO SINE DIE

SOLO IN SICILIA

 

Questo è un appello solo per la regione Sicilia e i suoi residenti.

 

In questo territorio stiamo cercando una famiglia affidataria (con o senza figli) che accolga in affido sine die LUIGI, 11 anni, un bambino dolce e sorridente che non ama particolarmnte lo sport prediligendo i giochi in solitudine e l’ascolto della musica che ama.

Infatti Luigi, in comunità, dove ha instaurato un ottimo rapporto con gli operatori (considerandoli veri e propri punti di riferimento) interagisce meno con i pari...che comunque tendono a volergli bene e a proteggerlo.

Il bimbo è molto minuto tanto da dimostrare meno della sua età anagrafica e per questo si è deciso di procedere con degli accertamenti medici.

A scuola ha l’insegnante di sostegno e quest’anno ripeterà la quinta elementare per consolidare quanto ha imparato.


22.05.19

SOS AFFIDO IN TUTTA ITALIA

PER DUE SORELLINE INSEPARABILI

 

MARTAANNA sono due sorelline di 12 e 13 anni che da due anni vivono in comunità perché la mamma, nonostante l’affetto, non riesce a prendersi cura sufficientemente bene di loro.

Le piccole la incontrano periodicamente ma per ora non si prospetta un ricongiungimento familiare, anche se non è escluso.

Anna, 13 anni, nonostante presenti un lieve ritardo mentale che a scuola le rende necessario la presenza dell’insegnante di sostegno, è una bimba positiva e matura che mostra di avere buone capacità di socializzazione e un grande senso di responsabilità, soprattutto rispetto alla sorella più piccola.

Marta, 12 anni, è una bimba che fa più fatica a rispettare le regole, soprattutto quelle riguardanti la cura di sé. Cerca attenzioni dalle figure adulte di riferimento anche se non ne rispetta molto l’autorità.

 Per le sorelline i Servizi di riferimento hanno immaginato un progetto di affido a tempo determinato (un minimo di due anni) con la possibilità di trasformarsi in sine die qualora la madre non riuscisse a recuperare le capacità genitoriali.

La famiglia affidataria ideale per le piccole è una coppia affidataria, o una persona singola, capace di accogliere entrambe le sorelle, assicurandogli il mantenimento del legame seppur periodico con la madre e la cura quotidiana di cui necessitano.

La ricerca è rivolta a tutte le regioni d’Italia.


25.09.19

SOS AFFIDO A LUNGO TERMINE

SOLO IN SICILIA

 

NICOLINO ha appena compiuto 11 anni anche se fisicamente dimostra meno della sua età: è minuto e magrolino e ispira tanta tenerazza.

Infatti nella comunità in cui vive da due anni tutti lo amano, educatori e bambini.

Nicolino ha un ritardo importante dello sviluppo ma è curioso, attento, partecipe della vita della comunità e felice di rispondere a tutte le domande; solo con i pari è un pò più timido e introverso.

A scuola ha l'insegnate di sostegno, gli piace la vita scolastica anche se continua a non essere particolarmente brillante nella lettura e nella scrittura.

I Servizi hanno conferito a M'aMa mandato di cercare una coppia o un single disponibili ad accoglierlo in affido sine die. 

I futuri genitori affidatari devono essere solo ed esclusivamente residenti nella regione Sicilia per assicurare al piccolo gli incontri mensili con la propria famiglia di origine.


5.10.19

 

SOS AFFIDO URGENTE

PER SINGLE E COPPIE TUTTA ITALIA

 

MICHELE 10 anni, ormai da tre vive in comunità dove finalmente ha trovato un ambiente sereno ed amorevole nel quale è amato da tutti, educatori e bambini. 

E’ proprio qui che il piccolo infatti è riuscito a fare i suoi grandi progressi, recuperando un po' di quell'amore che non ha ricevuto da piccolo.

Michele i suoi primi anni di vita li ha trascorsi nell’incuria e nell’indifferenza, quasi del tutto abbandonato a se stesso ed è per questo che ancora oggi soffre di un ritardo importante dello sviluppo.

Riesce a dire poche paroline nonostante abbia una buona comprensione del contesto riuscendo a farsi capire molto bene.

A scuola ha l’insegnante di sostegno ed ama la vita scolastica ma ancor più quella “casalinga” (è lui in comunità a detenere il potere del telecomando!).

I Servizi hanno conferito a M’aMa mandato di cercare, sull'intero territorio nazionale, persone singole e/o coppie disponibili ad accoglierlo in affido sine die.

I futuri genitori affidatari devono essere determinati e consapevoli di accogliere un bimbo con una disabilità importante e un passato che lo ha segnato, nonostante Michele si presenti come un bimbo socievole e simpatico.

 

Precisiamo che M’aMa-Dalla Parte dei Bambini è solo un tramite tra famiglia accogliente e i Servizi sociali che si occupano del minore. L’eventuale abbinamento, quindi, sarà deciso solo da questi ultimi.


11.19.3

 

SOS AFFIDO A LUNGO TERMINE

PER DUE FRATELLINI 

SOLO TOSCANA

 

Francesca e Michele sono due fratellini di 6 e 4 anni che attualmente vivono in comunità.

Entrambi sono intelligenti e solari, ma purtroppo la loro vita è stata caratterizzata dalla presenza di adulti incapaci di riconoscere e occuparsi dei loro bisogni di bambini. 

FRANCESCA frequenta la scuola primaria, è molto curiosa, le piace giocare, muoversi, studiare, è una bambina “centrata” e “brillante”.

Ha già imparato ad essere autonoma in tanti aspetti e spesso è lei a dare indicazioni al fratellino, ciononostante la piccola cerca l’affetto degli adulti e ne segue le indicazioni (una volta che ha imparato a fidarsene).

MICHELE 4 anni, frequenta la scuola dell’infanzia, socievole e simpatico, affettuoso e coccolone, ha estremo bisogno di figure adulte di riferimento, ama giocare ed esplorare l'ambiente che lo circonda.

Francesca e Michele sono desiderosi di vivere in una famiglia, di essere amati e accolti e fanno di tutto per richiamare l’attenzione.

I Servizi hanno conferito a M’aMa mandato di cercare una coppia affidataria in Toscana (opportunamente formata dai propri Servizi di riferimento), disponibile ad accoglierli insieme in affido sine die per accompagnarli nel loro percorso di crescita offrendo loro affetto, stabilità e serenità.

Una coppia che si impegni, e sia disponibile, ad accompagnare i bambini agli incontri con i genitori biologici (ad oggi ogni 15 giorni).

 

Precisiamo che M’aMa-Dalla Parte dei Bambini è solo un tramite tra famiglia accogliente e i Servizi sociali che si occupano del minore. L’eventuale abbinamento, quindi, sarà deciso solo da questi ultimi.

 


11.19.2

SOS ADOZIONE URGENTE PER ROCCO

 

ROCCO ha pochissimi mesi, è nato con una sindrome genetica ma non ha alcuna patologia collegata alla sindrome.

Rocco è bello, cicciotto e combatte egregiamente le sue battaglie con simpatici sorrisi e manine tese per farsi prendere in braccio. 

Ora pretende di avere una mamma ed un papà che lo amino per sempre, disposti ad accettare la sua condizione sindromica ed amarlo incondizionatamente.

Rocco ha bisogno di tante coccole, tanto tempo e tanto tanto amore.

I Servizi hanno conferito a M’aMa mandato di cercare, in tutta Italia, una coppia adottiva con relazione positiva dei Servizi di riferimento.

 

Precisiamo che M’aMa-Dalla Parte dei Bambini è solo un tramite tra famiglia accogliente e i Servizi sociali che si occupano del minore. L’eventuale abbinamento, quindi, sarà deciso solo da questi ultimi.  


11.19.1

 

SOS ADOZIONI URGENTI

 

I Servizi hanno conferito a M’aMa mandato di cercare, in tutta Italia, COPPIE ADOTTIVE per i seguenti minori:

 

GIUSEPPE 6 anni, un piccolo al quale è stato diagnosticato un ritardo globale dello sviluppo con stato di iperattività. Il piccolo è molto dolce e attaccato alle figure di riferimento della comunità in cui risiede pertanto l’inserimento con la futura famiglia adottiva deve essere molto graduale.

 

VINCENZO è un bimbo di appena due anni con ritardo globale dello sviluppo. Nato prematuro, ha sofferto di asfissia cerebrale i cui danni futuri (probabilmente prevalentemente a livello di muscolatura volontaria) non sono ancora prevedibili. Vincenzo interagisce e abbraccia le figure di riferimento.

 

LUCREZIA ha 7 anni anche a lei sembra sia stato diagnosticato un ritardo di apprendimento con stato di iperattività e anche lei cerca una famiglia adottiva. I Servizi preferirebbero però che la famiglia futura fosse nei dintorni del Lazio perché la sorellina è già andata in adozione su questo territorio.

 

In ultimo ci sono DUE GEMELLINE di 8 anni per le quali i Servizi hanno dato mandato a M’aMa di cercare due famiglie distinte, proprio per garantire a ciascuna di loro le attenzioni necessarie. Le due piccole sono state trasferite in comunità all’età di 4 anni per stato di abbandono e incuria estrema da parte della famiglia. Arrivate in struttura hanno fin da subito mostrato di avere un ritardo sull’apprendimento (ancora non si sa se congenito o da deprivazione) e oggi oltre a dimostrare un comportamento iperattivo e (a detta degli operatori “selvatico”) si esprimono ancora con poche paroline.

 

Precisiamo che M’aMa-Dalla Parte dei Bambini è solo un tramite tra famiglia accogliente e i Servizi sociali che si occupano del minore. L’eventuale abbinamento, quindi, sarà deciso solo da questi ultimi.


10.19.3

 

SOS AFFIDO URGENTE

PER IL PICCOLO JONATHAN

 

JONATHAN è nato prematuro e oggi, a due anni, gli sono stati diagnosticati alcuni danni permanenti (fisici e neurologici) dovuti proprio a questa sua faticosa nascita.

Nonostante ciò Jonathan appare come un bimbo sereno, afferra lo sguardo, riesce a portare gli oggetti alla bocca e sorride felice soprattutto quando ascolta le canzoncine.

Non si sa quali saranno i margini di miglioramento ma certamente vivere in una famiglia che gli garantisca amore e una terapia riabilitativa adeguata, potrà aiutarlo a migliorare.

I Servizi hanno conferito a M’aMa mandato di cercare, in tutte le regioni di Italia, una persona singola o una coppia di genitori affidatari (già opportunamente formati dagli enti competenti territoriali) disponibili ad accogliere il piccolo in affido sine die consentendo il mantenimento periodico degli incontri con la famiglia di origine.

 

Precisiamo che M’aMa-Dalla Parte dei Bambini è solo un tramite tra famiglia accogliente e i Servizi sociali che si occupano del minore. L’eventuale abbinamento, quindi, sarà deciso solo da questi ultimi.


10.19.2

 

SOS AFFIDO URGENTE PER DUE FRATELLINI

SOLO TOSCANA

 

Francesca e Giulio sono due fratelli che chiedono a gran voce una “famiglia normale” che li accolga. Preferirebbero rimanere insieme ma se non fosse possibile l'importante sarebbe che fossero accolti da due famiglie differenti impegnate a mantenere i rapporti tra loro.

FRANCESCA ha 14 anni, è una ragazzina tranquilla e brava a scuola, pacata nei modi, matura per la sua età.

GIULIO ha 9 anni, ama giocare a calcio e sogna di diventare un calciatore famoso.

I due fratellini confessano “di litigare anche un po' ma di stare tanto bene insieme” e non hanno nessuna problematica evidente, sono bravi a scuola e hanno tanti amici.

I Servizi hanno conferito a M’aMa mandato di cercare, esclusivamente sul territorio toscano, una coppia di genitori affidatari (già opportunamente formati dagli enti competenti territoriali) disponibile ad accogliere i due fratelli in affido sine die con l’impegno del mantenimento degli incontri con la famiglia di origine.

 

Precisiamo che M’aMa-Dalla Parte dei Bambini è solo un tramite tra famiglia accogliente e i Servizi sociali che si occupano del minore. L’eventuale abbinamento, quindi, sarà deciso solo da questi ultimi.


10.19.2

 

SOS AFFIDO URGENTE PER LA PICCOLA DANIELA

Solo Centro Italia

 

DANIELA è una bimba di 7 anni che da poco più di un anno è stata allontanata dal proprio nucleo familiare perché ritenuto troppo fragile per crescerla.

Daniela all’interno della sua famiglia purtroppo non è stata tutelata dagli adulti di riferimento e solo da pochi mesi, in comunità, la sua situazione psicologica (turbata da violenze psicologiche forti) sta migliorando.

I Servizi, nell’attesa e nella speranza che la famiglia di origine recuperi le capacità genitoriali, hanno conferito a M’aMa mandato di cercare, solo ed esclusivamente nelle regioni del centro Italia, una coppia di genitori affidatari (già opportunamente formati dagli enti competenti territoriali, senza figli o con figli già grandi) disponibile ad accogliere la piccola in affido per tutto il tempo ritenuto necessario a lei e alla sua famiglia.

I futuri genitori affidatari devono essere consapevoli di accogliere una bimba con un passato problematico e un progetto di affido probabilmente a tempo determinato durante il quale la bimba manterrà periodicamente gli incontri con la propria famiglia di origine.

 

Precisiamo che M’aMa-Dalla Parte dei Bambini è solo un tramite tra famiglia accogliente e i Servizi sociali che si occupano del minore. L’eventuale abbinamento, quindi, sarà deciso solo da questi ultimi. 


10. 19.1

 

SOS AFFIDO FAMILIARE

PER TRE FRATELLINI INSEPARABILI

 

Cerchiamo: COPPIA AFFIDATARIA

Continua la ricerca di una coppia affidataria su tutta Italia per tre piccoli fratellini (12, 6 e 4 anni) molto uniti tra loro.

I piccoli, di origine orientale, hanno sempre dimostrato di avere ottime risorse personali e non presentano problematiche rilevanti, nè fisiche nè psicologiche, se non i comuni disagi legati ai numerosi trasferimenti cui è stata costretta la famiglia di origine.

Solo il bimbo di 6 anni ha un problema di linguaggio che sta affrontando con sedute di logopedia.

I fratelli sono inseparabili, si amano molto, pertanto i Servizi stanno cercando di rispettare questa unione cercando una famiglia disposta ad accoglierli tutti insieme in affido sine die.

I bimbi dovranno continuare a mantenere il legame periodico con la famiglia di origine residente in centro Italia.


2019

SOS per piccoli grandi uomini

 

1) ANDREA ha 15 anni, dall'età di 7 anni ha vissuto in comunità fino ai 13 poi è rientrato nella famiglia di origine ma non può più continuare a viverci. La sua famiglia ha molti problemi, è un nucleo molto fragile e non riesce a prendersi cura di lu. Andrea ne risente molto: ultimamente si è chiuso in se stesso, non si relaziona più con il gruppi di pari e rende meno a livello scolastico (cosa mai accaduta fino a poco tempo).

Per lui stiamo cercando, nel centro Italia, una persona singola o una coppia affidataria per un affido sine die nel quale sia agevolato l'incontro mensile con la famiglia di origine.

 

2) DIMA ha 12 anni e gli operatori della casa famiglia in cui vive lo descrivono "bellissimo e arrabbiatissimo". E' un bimbo senegalese con un vissuto familiare molto forte alle spalle che oggi lo porta ad aver un atteggiamento sfidante e provocatorio con l'adulto, atteggiamento che se opportunamente accolto e contenuto può essere una via per costruire una relazione di fiducia che a Dima è sempre mancata.

 Per lui stiamo cercando, nel centro Italia, una persona singola o una coppia affidataria per un affido sine die nel quale sia agevolato l'incontro mensile con la famiglia di origine.

 

3) AMANDA ha 17 anni da tre anni è in comunità e nella sua famiglia di origine è stata testimone di maltrattamenti e violenze psicologiche. Lei ha sempre studiato diligentemente, si è occupata delle sorelline più piccole ed è sempre stata attenta alle regole. Da mesi chiede una famiglia dove poter rifugiarsi e riacquistare serenità.

Per lei stiamo cercando, nel centro Italia, una persona singola o una coppia affidataria per un affido sine die nel quale sia agevolato l'incontro mensile con la famiglia di origine.

 

4) LEONARDO ha 12 anni, vive in comunità da poco più di uno ed ora suo fratello, con lui fino ad oggi, sta per essere accolto in affido sine die da una famiglia affidataria del Centro Italia.

Leonardo ha un grave passato abbandonico da elaborare: i suoi familiari non sono riusciti a prendersi cura di lui e lo hanno ripetutamente illuso per poi lasciarlo definitivamente in struttura.

E ora Leonardo non si fida più degli adulti, è arrabbiato e non sa quale possa essere il suo futuro.

Il piccolo, nonostante il suo atteggiamento spesso provocatorio e sfidante, a scuola ottiene buoni risultati.

Non ha mai creduto in un progetto di affido ma, da qualche mese, anche grazie a un percorso di psicoterapia, ha cominciato timidamente a manifestare il desiderio di una nuova famiglia tutta per sè.

La ricerca di una coppia affidataria per un affido sine die è rivolta solo nel Centro Italia per salvaguardare il mantenimento degli incontri periodici con la famiglia di origine, soprattutto con il fratello minore. 


04.19

SOS ADOZIONE URGENTE

 

La segnalazione di Robertino ha un carattere di estrema urgenza perché il piccolo ha 11 anni e vive in comunità già da sette.

 

ROBERTINO è affetto da una patologia genetica che gli comporta importanti carenze del linguaggio e della sfera psicomotoria, ma grazie alla riabilitazione ha ottenuto grandi risultati e i margini di miglioramento sono notevoli grazie alla fisioterapia e alla logopedia che dovrà continuare a fare.

Il piccolo, ad oggi, riesce a svolgere in autonomia molte attività quotidiane, per altre invece ha ancora bisogno dell’affiancamento di un adulto.

Nonostante non riesca a esprimersi bene linguisticamente (anche a causa della scialorrea sulla quale in futuro si potrà intervenire con un intervento correttivo), Robertino è riuscito a creare legami significativi con grandi e piccini all’interno della comunità, chiedendo di essere coccolato e ricambiando le coccole con grandi abbracci e sorrisi.

Con i bambini più piccoli è tenero e premuroso: li accarezza e raccoglie loro i giochi e il ciuccio caduti in terra.

A scuola è attento e solidale verso i bambini che presentano difficoltà anche più gravi delle sue; ha un ottimo rapporto con tutti i suoi compagni di classe e con gli adulti di riferimento.

Per Robertino cerchiamo una famiglia adottiva, o una coppia o una persona single affidataria, in tutta Italia. 

Una famiglia che lo ami e lo accolga per sempre. 


06.19

Stiamo cercando due famiglie per due piccoli che attualmente vivono in comunità.

  

Per il più piccolo, LUIGI, 8 anni, stiamo cercando urgentemente una famiglia in tutta Italia per adozione o affido sine die: si accettano disponibilità di coppie affidatarie (etero o omosessuali) o adottive, o genitori single.

A Luigi, da pochi mesi, è stata diagnosticata una malattia genetica accompagnata da crisi epilettiche tenute sotto controllo da farmaci salvavita. 

Nonostante queste difficoltà Luigi si mostra sereno e solare, sensibile e molto altruista con i pari.

E’ entrato in comunità con i suoi fratelli e ora che loro sono stati accolti in affido eterofamiliare più che mai sente il bisogno di una famiglia che lo ami incondizionatamente.

 Il secondo piccolo ha 9 anni, TITO, anche lui in comunità da troppi anni insieme al fratello. 

Tito è sano ma molto arrabbiato per i ripetuti abbandoni che ha dovuto subire dalla famiglia di origine. 

Il suo atteggiamento spesso è provocatorio, soprattutto nei confronti degli adulti, quasi per saggiare quanto l’altro possa arrivare ad amarlo 

Per lui i Servizi hanno immaginato una accoglienza in affido sine die da parte di una coppia residente nel centro Italia in modo che il piccolo possa continuare a mantenere i rapporti con il fratello. 


09. 19
 
SOS CERCASI UNA FAMIGLIA PER SEMPRE
PER MOIRA IN TUTTA ITALIA
 
MOIRA è una bimba orientale di 13 anni che appare più piccola dell'età anagrafica, sia nello sviluppo fisico sia come modalità di relazione.
I suoi genitori non sono mai riusciti ad occuparsi di lei.
La piccola è affetta da un ritardo mentale medio-grave: nel vestirsi e nel lavarsi, anche se autonoma, necessita ancora di essere guidata ma, a parte qualche bizza e pianto di fronte ai "no", si comporta in modo adeguato.
A scuola è ottimamente inserita con i pari ed è una bimba sorridente, affettuosa in cerca del contatto fisico con le figure di riferimento.
Moira al momento dell'accoglienza non parlava italiano, mentre con l'inserimento a scuola è migliorata sul piano della comprensione e dell'espressione della nostra lingua.
La bimba è già stata dichiarata adottabile: si cerca una famiglia su tutto il territorio nazionale disponibile all'accoglienza ai fini adottivi, preceduta da una fase di avvicinamento graduale alla minore.

08.19
SOS AFFIDO PER UNA GIOVANE MAMMA
CON LA SUA BIMBA
 
Questa richiesta di accoglienza riguarda un nucleo mamma-bambino, l’affidamento cioè di una giovane mamma ventenne attualmente in struttura con la propria piccola di due anni.La mamma si è sempre occupata da sola della crescita della propria piccola, alla quale di recente è stata diagnosticata una sindrome neurologica che la sottopone a controlli periodici e cicli di fisioterapia.
Oggi la giovane mamma (ritenuta perfettamente idonea dal Tribunale nel suo ruolo genitoriale), per poter guardare ad un futuro al di fuori della comunità, ha bisogno di una famiglia che la sostenga nella crescita e nell'accudimento della figlioletta.
I Servizi hanno quindi conferito mandato a M'aMa di cercare una coppia o una persona single affidatari, in qualsiasi regione di Italia, disposti ad accogliere in affido la mamma insieme con la bambina per aiutarle a creare un presente e un futuro possibile.

22.02.19

UNA CASA PER GIANNI

 

GIANNI adesso ha 14 anni e dopo tanti anni di rabbia per essersi sentito abbandonato, ora si sente pronto per avere una famiglia che si prenda cura di lui e la sta chiedendo a gran voce.

Gianni ha un disturbo dell’apprendimento ma è riuscito a fare tanti progressi non da ultimo quello di gestire la rabbia e la sua iperattività.

Ama tutti gli animali, con una predilezione per i cani e i cavalli.

 Per lui stiamo cercando, in tutte le regioni di italia, una persona singola o una coppia formati sull’affido disponibili anche all’adozione.


18.02.19

 

SOS FAMIGLIA DI APPOGGIO

COPPIE E SINGLE

SOLO CAMPANIA

 

CAMILLA è una ragazzina di 14 anni simpatica e dolce che ha un papà che la ama ma che, purtroppo, non può occuparsi di lei.

 Per questo motivo Camilla vive in comunità e non ha alcuna intenzione di andare in famiglia, perché altrimenti sentirebbe di “tradire” l'amore per il suo papà.

I Servizi però non vogliono farle mancare un punto di appoggio, un riferimento esterno che la accolga la domenica, la vada a prendere per un gelato e le faccia sentire il calore di una famiglia e così chiedono la disponibilità part time di genitori affidatari, single o in coppia, desiderosi di dedicarle del tempo e dell’affetto.

Naturalmente l’appello è circoscritto solo alla Campania. 


25.01.19

SOS AFFIDO SINE DIE

 

SIMONA 14 anni, a dispetto della sua età, è ancora una bimba che ha bisogno di rassicurazioni e di qualcuno che le restituisca la fiducia in se stessa e le trasmetta che è lì per lei.

Simona è fragile, insicura, ha un lieve ritardo cognitivo e a scuola è seguita da un insegnante di sostegno, per il resto si relaziona perfettamente con i suoi pari e le figure adulte di riferimento.

Vive in comunità da più di cinque anni e ha una storia di abbandono che fa fatica ad affrontare da sola quindi ha urgenza di una famiglia che la accolga, una coppia o single affidatari residenti in qualsiasi regione di Italia.

Non ha più contatti né con il suo papà né con la sua mamma, solo sporadicamente mantiene gli incontri con le sorelline. 


23.01.19

UNA FAMIGLIA DI APPOGGIO PER LUIGI

A PALERMO

 

LUIGI ha 10 anni,vive in una comunità di Palermo, ha un ritardo psicomotorio e un papà che gli vuole bene ma che non riesce ad occuparsi di lui adeguatamente.

Stiamo cercando, nel solo territorio palermitano, una coppia o single affidatari che inizino a essere per Luigi un punto di riferimento, che vogliano trascorrere qualche ora insieme con lui lontano dalla comunità per un gelato, una passeggiata… per fare in modo che Luigi possa riprendere fiducia in se stesso e negli altri. 


14.01.19

SOS AFFIDO LAZIO

 

MICHELE ha 11 anni e, dopo anni di comunità, e qualche mese trascorso in accoglienza familiare, si trova punto e daccapo come all’inizio della sua storia: in attesa di una famiglia che lo accolga.

Michele non ha avuto una vita facile fino ad oggi anche se continua ad incontrare spesso la sua mamma che però non riesce a prendersene cura come dovrebbe e Michele ne soffre, è arrabbiato per questo, si sente solo e abbandonato.

Per lui stiamo cercando affidatari senza figli o con figli già grandi che gli sappiano garantire tutte le attenzioni necessarie e sappiano contenere i suoi atteggiamenti provocatori.

Ha sicuramente bisogno di una coppia o un single affidatari che credano in lui e che, con pazienza, lo accompagnino e gli ridiano fiducia in se stesso.

Gli piace lo sport, soprattutto il nuoto e sarebbe bello che presto riuscisse a praticarlo.

L’appello è rivolto a tutte le coppie e i single affidatari del territorio laziale, perché Michele continuerà ad incontrare periodicamente la mamma. 


19.12.18

SOS ADOZIONE URGENTE

 

GIULIO è una emergenza adottiva.

Giulio è un bimbo molto molto piccolo con una disabilità conclamata.

Giulio è combattivo, ha molte risorse, è necessario che il prima possibile sia accolto da una famiglia capace di credere in lui e lo cresca con amore, stimolandolo adeguatamente e accettando il futuro con tutte le sue incognite.

L’appello è rivolto solo a coppie in possesso di idoneità adottiva, residenti in qualsiasi regione d’Italia.


6.12.18

AFFIDO SINE DIE

SOLO SARONNO E ZONE LIMITROFE

 

Questo è un appello circoscritto solo alla sola zona di Saronno (Lombardia) per un piccolo di 9 anni, MICHAEL che, purtroppo, nonostante sia tanto amato dalla mamma, da sempre vive in comunità perché lei non riesce a prendersene cura.

E proprio perché consapevole di non riuscire a prendersene cura ha deciso di dare maggiori opportunità a suo figlio facendolo crescere in comunità con la speranza poi che, presto, il piccolo venisse accolto da una famiglia.

Mamma e figlio ad oggi si incontrano settimanalmente ma l’affido che si prevede per Michael è un affido sine die.

Michael ha un ritardo medio lieve, è un bimbo molto dolce e divertente.

Per lui cerchiamo una coppia formata sull’affido (con o senza figli) residente a Saronno e zone limitrofe. 


14.11.18

SOS ADOZIONE

anche a coppie formate sull'affidamento

 

Per l’adozione di MIRKO i Servizi sono disponibili anche ad accettare candidature da coppie senza idoneità adottiva, l’importante è che siano formate sull’affido e strutturate e consapevoli della scelta.

Sì perché Mirko ha 12 anni, anagraficamente è GRANDE, ma le difficoltà derivanti dal suo ritardo nello sviluppo, lo rendono ancora un bimbo, quel bimbo che in comunità chiede a tutti gli educatori quando arriveranno la sua mamma e il suo papà per sempre.

Non ha nessuna caratteristica del preadolescente, è gentile, molto educato e la sua sensibilità lo rende infinitamente vulnerabile: è da alcuni mesi ormai che si chiede se ci sia qualcosa in lui di sbagliato dal momento che i suoi compagni (come il suo stesso fratello) hanno trovato casa mentre lui continua a restare in comunità.

La famiglia che cerchiamo (l’appello è diretto a qualsiasi regione di Italia) deve essere pronta ad accettarlo incondizionatamente e sostenerlo nelle sue difficoltà. 


6.11.18

SOS ADOZIONE

 

RENATO ha 8 anni, è da tempo che aspetta una famiglia ma ancora non l’ha trovata, al contrario delle sue sorelline.

Renato ha un ritardo cognitivo e difficoltà relazionali soprattutto con i suoi pari al contrario con le figure adulte di riferimento con le quali spesso arriva ad instaurare addirittura rapporti quasi esclusivi, attaccandosi a queste in modo particolare.

Si fa volere bene facilmente, quindi, pur essendo un bimbo impegnativo.

Ha un linguaggio molto povero e semplice, ha grandi difficoltà a gestire i NO e richiede molta pazienza.

Sono stati fatti approfondimenti e non risultano sindromi, ciononostante non si ha una vera e propria diagnosi.

La coppia che i Servizi stanno cercando è una coppia senza figli o con figli già grandi (proprio per offrire al piccolo tutte le attenzioni necessarie).

La coppia inoltre deve avere idoneità adottiva con relazione e percorso finito, essere strutturata e formata, pronta ad affrontare le difficoltà di un cammino in salita seppure ricco di grandi soddisfazioni raggiunte grazie alla determinazione del piccolo.


31.11.18

SOS AFFIDO SINE DIE

 

ALESSANDRA ha 15 anni e mezzo, vive da così tanto tempo in comunità che è stato difficile convincerla a capire che, forse, anche per lei, era arrivato il momento giusto per crescere in una famiglia vera e propria tutta per sé che potesse accoglierla, amarla e aiutarla a realizzare i suoi sogni.

Ora è pronta e aspetta una mamma e un papà che abbiano per lei tutte quelle attenzioni che le sono mancate; per questo i Servizi hanno pensato ad una coppia affidataria senza figli o con

figli già grandi, oppure a persone singole.

Alessandra ama studiare, leggere e spera di poter proseguire gli studi dopo le superiori.

E’ una sognatrice, proprio come le ragazzine della sua età, quindi alle volte ha voglia di rimanere sola con i suoi pensieri ed i suoi libri, ma le piace anche chiacchierare, soprattutto con le figure di riferimento che si prendono cura di lei.

L'appello è rivolto a tutte le regioni d'Italia.


18.10.18

SOS AFFIDO SINE DIE

SOLO PALERMO E ZONE LIMITROFE

 

L’appello è per FRANCESCO, un bambino di cinque anni dagli occhi vivaci, solare, allegro che ama giocare con i suoi coetanei e si relaziona ottimamente con gli adulti.

E' un appello rivolto solo a famiglie residenti a Palermo e zone limitrofe proprio per garantire il legame del piccolo con la famiglia naturale.

A Francesco è stato diagnosticato un disturbo specifico del linguaggio e un ritardo delle prestazioni cognitive ma adeguatamente seguito farà sicuramente grandi progressi!

Vive da tanto tempo in comunità dove tutti lo amano e ora più che mai è pronto ad andare in famiglia, in una famiglia che lo accolga in affido sine die (a tempo indeterminato) e che lo ami, lo sostenga, lo faccia vivere serenamente e gli permetta di continuare a vedere periodicamente i suoi genitori.

E’ molto importante sottolineare che i Servizi di riferimento per lui hanno pensato un affido sine die non solo aperto alle coppie o alle persone singole già formate sull’affido, ma anche a tutte quelle anche solo disponibili a formarsi (sarà infatti cura del Servizio stesso curarne la formazione).


8.10.18

SOS AFFIDO SINE DIE

SOLO UMBRIA

 

SAMUELE ha 12 anni, ha sempre vissuto in famiglia ma i suoi genitori non sono più in grado di occuparsi di lui, pur continuando ad amarlo e a volerlo incontrare periodicamente. 

Samuele ha un ritardo medio dovuto in parte anche al suo vissuto familiare e assume una terapia farmacologica per tenere sotto controllo l’epilessia.

Spesso mostra di avere nei confronti delle figure che lo accudiscono comportamenti provocatori e oppositivi che nascondono però tanto bisogno di affetto e attenzione.

I Servizi sociali per lui hanno previsto un progetto che se da una parte richiede l’intervento rassicurante di un single o di una coppia di genitori affidatari pronti a garantirgli sicurezza nella crescita e nella quotidianità attraverso un affido sine die, dall’altra prevede anche rientri settimanali in famiglia.

Ed è per questo, per garantire il mantenimento dei legami con la famiglia di origine, che la ricerca della famiglia affidataria è circoscritta al solo territorio umbro. 


12.08.18

SOS AFFIDO SINE DIE

 

ANGELO ha quattordici anni anche se in realtà la sua voglia di avere continue certezze, di giocare e la sua impulsività lo fa apparire molto più piccolo della sua età anagrafica.

E’ molto riservato: sulle prime i suoi compagni lo definiscono quasi "scontroso" per poi trovare in lui un amico. Con le figure di riferimento, anche se lentamente, Angelo riesce ad aprirsi e a condividere il suo passato difficile che ancora fa fatica a elaborare.

Per quanto faccia fatica a dichiararlo apertamente, Angelo desidera una famiglia che lo accolga definitivamente e gli faccia abbandonare la comunità dove vive da anni.

Forse ha solo “paura di credere in qualcosa che potrà non realizzarsi mai”.

I Servizi per lui hanno pensato ad un affido sine die e l’appello è esteso a tutte le regioni di Italia diretto a coppie e persone singole già formate. 


20.07.18

SOS UNA FAMIGLIA PER SEMPRE

 

ELEONORA ha 11 anni ma ne dimostra meno, è una bambina minuta, sorridente, che ama il contatto fisico e le coccole.

Arrivata solo da un anno dal suo paese d'origine è stata da poco collocata in comunità. 

Si sospetta un ritardo psicomotorio e cognitivo ma, ad oggi, non c'è una diagnosi precisa.

Eleonora ricerca una relazione affettiva, desidera avere un posto sicuro e stabile dove possa trovare degli adulti che si prendano cura di lei.

Per lei si cerca una famiglia in qualsiasi regione d'Italia che sia in grado di accompagnarla nella prossima delicata fase di crescita, capace di restituirle la serenità che merita. 


19.05.18

MSNA: RACCOGLIAMO DISPONIBILITA'

PER AFFIDI SINE DIE

 

I Centri Affido di vari territori nazionali stanno chiedendo a M'aMa - Dalla Parte dei Bambini di raccogliere adesioni di single e/o coppie affidatarie (già formati dagli enti competenti territoriali) disponibili ad accogliere in affido sine die Minori Stranieri Non Accompagnati (MSNA) appartenenti a varie nazionalità e a varie fasce di età (a partire dai 10 anni in su). 


14.05.18

SOS ADOZIONE A RISCHIO GIURIDICO

 

GIOVANNA ha 11 anni è spontanea vivace allegra nonostante abbia avuto una vita difficile e sia cresciuta senza punti di riferimento.

A volte infatti fa fatica a seguire le regole risultando oppositiva soprattutto con i pari.

Per Giovanna cerchiamo una mamma e un papà per sempre che non si spaventino della sua irruenza, preferibilmente residenti nel centro Italia o disposti a mantenere il rapporto con la sorellina (già in famiglia), nonostante l’ eventuale distanza.

La sua è una adozione a rischio giuridico: possono proporsi coppie con idoneità all’adozione ma anche coppie formate sull’affido che diano poi la disponibilità ad adottarla. 


8.04.18

SOS AFFIDO SINE DIE

SOLO CENTRO ITALIA

 

ROBERTO ha 12 anni e vive da molto tempo in una comunità dove comunque è riuscito a creare delle relazioni stabili.

Frequenta la prima media e solo ora comincia ad avere delle soddisfazioni a scuola.

Ha una storia molto dolorosa alle spalle, anche per questo vorrebbe avere una famiglia che lo accogliesse quanto prima (e che possibilmente avesse anche un cagnolino!).

Per lui una persona singola, come una coppia, disposti ad accompagnarlo nella crescita, sarebbero fondamentali per un affido sine die.

Per permettergli di mantenere il suo unico legame parentale è necessario che la famiglia affidataria si trovi in Toscana, nel Lazio o in Umbria.


29.03.18

SOS AFFIDO SINE DIE

SOLO CENTRO ITALIA

 

VALERIO ha 8 anni e vive in comunità da quando ne ha due.

Ha una mamma che gli vuole bene ma che non può prendersene cura e lui ha bisogno di costanti attenzioni.

Infatti Valerio giornalmente fa di tutto per essere considerato e per attirare su di sé l'attenzione, tanto da arrivare a mettere in atto comportamenti esasperati e oppositivi. 

Ha difficoltà di concentrazione e apprendimento che non gli permettono di avere grandi risultati scolastici ma soprattutto, in questi ultimi anni, soffre della mancanza di una vita familiare stabile che richiede a gran voce.

Il piccolo però, oltre a mostrarsi ribelle e spesso problematico, sa essere anche un bambino molto affettuoso quindi siamo certi che una famiglia (senza figli o comunque più grandi di Valerio) che lo sappia accogliere in affido sine die possa dargli stabilità. 

L’appello è rivolto solo al Lazio, Umbria e Toscana perché periodicamente il piccolo continuerà ad incontrare la madre.


28.02.18

SOS AFFIDO SINE DIE

SOLO TOSCANA

 

EMMA 11 anni, vive in una comunità della Toscana da molto tempo e già da qualche mese ha visto la sorellina trovare una famiglia tutta per lei.

Anche Emma ne sta aspettando una e non capisce perché ancora non sia riuscita a trovarla.

Per lei si è pensato ad un affido sine die, immaginando come ideale una coppia (senza figli o con figli già autonomi) capace di darle tutte le attenzioni del caso e di garantirle gli incontri periodici con la famiglia di origine.

La coppia che stiamo cercando risiede in Toscana o nelle zone limitrofe ed è pronta ad accogliere le fragilità della piccola causate prevalentemente dal contesto sociale in cui è vissuta nei primi anni di vita.

Infatti Emma ha un lieve ritardo mentale, fa fatica a stare ferma e a concentrarsi rispettando le regole (soprattutto quelle scolastiche). 


27.01.18

SOS AFFIDO SINE DIE

SOLO CENTRO ITALIA

 

LAURA ha 15 anni sulla carta d’identità e per l’aspetto fisico, però ha una affettuosità disarmante tipica dei bambini: è buona, sensibile, educata e cerca costantemente approvazione e affetto da piccoli e grandi.

E’ solare, scherzosa e sempre disponibile.

Solo negli ultimi tempi appare più chiusa in se stessa perchè non capisce come mai proprio a lei non si riesca a trovare una famiglia che la accolga.

Infatti, a una volontaria che, da anni, la va a trovare in istituto, scrive: “Ma per te che ho fatto che nessuno mi vuole?”.

Laura incontra la mamma una volta al mese quindi stiamo cercando per la piccola un affido sine die in tutto il centro Italia aperto a coppie e a single, naturalmente disposti al mantenimento dei rapporti con la famiglia biologica. 


19.01.18

SOS AFFIDO SINE DIE

SOLO LAZIO

 

FRANCESCA ha 14 anni, su carta può sembrare grandicella, in realtà nonostante la sua età anagrafica ha lo stesso identico bisogno di affetto e protezione di una bimba più piccola di lei.

Forse perchè sente la mancanza ogni giorno di più di una famiglia che si prenda cura di lei: il papà le è morto e la mamma, pur volendole bene, non è in grado di occuparsi di lei, non riesce.

Così Francesca da due anni è in comunità e si chiude sempre più in se stessa, a scuola va sempre peggio tanto che ha cominciato ad avere problemi di apprendimento (da qui l’insegnante di sostegno).

Molto probabilmente una mamma e un papà affidatari che le facciano recuperare la stima in se stessa e che la aiutino a ritrovare le proprie potenzialità e risorse, l’aiuterebbero molto. 

Anche una single ben strutturata, capace di amarla e accudirla.

La ricerca è circoscritta al Lazio perché la piccola manterrà il rapporto con la mamma. 


24.11.17

SOS AFFIDO SINE DIE O ADOZIONE

 

MARCO è dolce, sensibile, generoso, saluta tutti i commercianti del quartiere e tutti gli vogliono bene.

Marco vuole una famiglia tutta per sé con “una mamma e un papà buoni”, anche se nella comunità in cui vive da dieci anni racconta di stare bene. 

E per lui, per il suo vissuto, una figura maschile genitoriale di riferimento, accanto a quella femminile, sarebbe molto importante.

Marco ha 14 anni, anche se ne dimostra un po' di meno e la scuola non è mai stata il suo forte: ha un lieve ritardo cognitivo e un problema di linguaggio.

Infatti, da quando ha 4 anni ha una psicologa che lo segue per l’apprendimento e un logopedista che lo segue nel linguaggio, e anche grazie a questo lavoro d'equipe oggi Marco ha raggiunto tanti traguardi: è più che autonomo, sa costruire relazioni, è solare, sa conquistare le persone ed è determinato nel perseguire gli obiettivi che si prefigge.

Per Marco cerchiamo una famiglia su tutto il territorio italiano, una famiglia che creda in lui e gli dia l’amore e la tenerezza che va ricercando la sera quando, nel letto, prima di addormentarsi, chiede di essere coperto mille e una volta in più dagli operatori.

Una famiglia possibilmente con figli grandi che gli doni tutte le attenzioni di cui ha bisogno.

Una famiglia che lo accolga per sempre incondizionatamente, in affido sine die o in adozione, comunque per sempre.